mercoledì 29 dicembre 2010

Quest'anno vorrei...



Per ragioni che a me ancora sfuggono (ma tendo ad affibbiare la colpa agli oroscopi sfalsini di Paolo Fox, in collaborazione con Novella2000), si ha la stramba idea che, con l'arrivo dell'anno nuovo, tutto -e sottolineo TUTTO- debba cambiare: anno nuovo, vita nuova, l'abbiamo sentito tutti. Si ripone così tanta fiducia in questo catartico evento, che si stila (su su, l'abbiamo fatto tutti almeno una volta!) una lista dei "Propositi per l'anno nuovo", ovvero tutto ciò che vorremmo accadesse nei mesi a venire, e che dovrebbero concretizzarsi a seguito di duro impegno, calma e sangue freddo solo teorici sul nostro fronte. Stendiamo un velo pietoso.
Tralascio la critica alla ragionevolezza logica di ciò per riservarla al BOOM finale, e passiamo all'esame dei propositi in sé e per sé. Prima, però, vorrei specificare che ciò che leggerete scaturisce da una semplice ricerca su google (quindi da testimonianze reali) e -ebbene sì- dal film "Il diario di Bridget Jones", e non -solo- dal mio spirito dissacrante. *coro di buuuuuuu*
Al top (<- muahahahahah) della classifica dei goals più gettonati vi è sicuramente una tie (vuol dire che ce ne sono due): il primo è "perdere peso". L'entità di peso da perdere varia da persona a persona, e il range sembra estendersi più o meno dai 100g ai 100kg. Beh, in primo luogo vorrei dire a coloro che voglio perdere 100,500,800g o giù di lì che possono benissimo farlo tagliandosi i capelli o smettendo di bere per una giornata intera. E per tutte quelle seguenti, magari, così ce le leviamo dai piedi. Secondo luogo, vi chiedo: state a prendere per il culo? Se no, a che vi serve perdere il peso di un piatto di pennette in bianco? Ad arrotondare la cifra, per cui potete andare in giro a dire che portate la 37 invece che la 38 (non sia mai DIO MIO!)? Beh vi dico due cose: 1) mangiate le cartellate, sono buone; 2) tanto ad H&M la 37 non ce l'hanno, quindi è inutile che andate strillando in giro con quanta ansia aspettate la nuova collezione di mutande leopardate, perchè ci entrerete quattro volte. Per chi vuole perdere una tonnellata (chiaramente mi riferisco a chi la accumula per pigrizia o eccessiva golosità): tesori miei, mi sa che voi dovevate pensarci due volte ad esaurire le scorte di calzoncelli (e lo torrone, famosissimo!) di tutte le nonne del vicinato. Dunque, invece che raschiare il fondo della vostra riserva di forza di volontà scrivendo su un foglietto rosa profumato, alzate il deretano (by tombola 2010) e dedicatevi alla ginnastica ritmica, anche il dolce su e giù va bene (100 punti a chi riconosce la nobile citazione). 
Il secondo obiettivo tanto bramato dai/dalle ragazzini/e è "mEtTerMi cn ql/qlla gRaN FiGo/a d *****!!!!111!!", anche conosciuto nella versione degli over-16 come "trovare la persona giusta da amare". Ma la sostanza è la stessa. Potrei dare inizio ad una digressione lunghissima e pallosa su questo argomento (e, tranquilli, prima o poi lo farò), ma mi limito a dire: se non vi ha cagati nel 2010, non lo farà nemmeno nel 2011, compratevi un bel vibratore e sarete contenti. 
Altri propositi comuni sono: andare bene a scuola, iniziare a praticare sport o a suonare uno strumento, imparare una nuova lingua (? vabè...), aiutare il prossimo, visitare un luogo in particolare.
Voglio citare per pura voglia di prendere per il culo altri di cui ho trovato testimonianza: la vittoria di qualche fine personaggio del Grande Fratello (con conseguenti liti virtuali, della peggior specie), la vittoria dello scudetto da parte della propria squadra del cuore, e -incoronato re del nonsense- raggiungere i propri obiettivi. Maccome?! Stiamo a parlare da mezz'ora degli obiettivi che ci si pone prima di ubriacarsi col Fontanafredda, e questo se ne esce con sta stronzata?! Chiamasi "tautologia", e chiamiamo il secondo velo pietoso della giornata.
Chiariamo: questa è tutta roba bbuona, non c'è dubbio, è l'atteggiamento con cui vi si appropinqua ad essere sbagliato. Si tende ad affidarsi totalmente al caso, al destino, ad aspettare che sia l' "anno" (cosa mi tocca scrivere...) a far materializzare dal nulla il fidanzato o la dieta perfetta. Ma come potrebbe mai essere logicamente possibile? Non voglio suonare cinica e pessimista: le botte di culo esistono, magari sono poche, ma capitano a tutti prima o poi (v. quelli che fanno tombola! Quanto li invidio!), ma bisogna anche avere spirito di iniziativa. Bisogna agire, signori, AGIRE. Quindi mettete via la penna con le piumette fuschia e fate qualcosa di utile: cambia l'anno, festeggiate e folleggiate, crescete e moltiplicatevi (non in pubblico), ma alla fine l'unica cosa che cambia da sé è una cifra (<- muahahahah) nella data dei compiti in classe.
__________________________

Rileggendo mi sono resa conto che è venuto fuori più serio di quanto mi aspettassi:
ragazzi, CONGAA! (<- cliccateci)

P.S. ci scusiamo per l'assenza di ben...4 giorni! Siamo stati impegnati a mangiare lo torrone e a scartare i regali (eeeeh! XD).
Ci auguriamo che lo abbiate fatto anche voi.
E, per chi se lo stesse chiedendo, no, neanche quest'anno ho avuto la Nouvelle Cuisine.


4 commenti:

  1. <3
    P.s. sono pOrnella in arte francesco!

    RispondiElimina
  2. Io avevo pensato di MetTeRmI CoN qUeLlO ma a quanto pare non mi cacerà nemmeno nel 2011 quindi peso proprio che andrò a farmi un giro a "LE PON-PON" e mi comprerò un bel vibratore, magari fuschia con le piume...*_*

    RispondiElimina
  3. Io prometto di non mettermi più le dita nel naso se tu, Livia, prometti di continuare a scrivere cose brillanti come questa!
    È un grosso impegno (il mio), quindi vedi di metterti sotto! :)

    RispondiElimina