martedì 26 aprile 2011

Teorema: tua nonna è più FESCION di te.

Girare per strada diventa un'attività sempre più affascinante, e vi starete [spero] chiedendo il perché! Beh, cari amici, non è per il valore architettonico degli edifici storici, e nemmeno per la piacevole sensazione di staccare il sederino dal divano e prendere aria fresca, ma per l'intrigante fauna umana in cui ci si imbatte. Si è discusso abbondantemente dello schieramento tamarro-burino-amante della fotografia, ma noi di KMM non risparmiamo anche il fronte opposto: i FESCION STAILIST. Sì bambini, parlo delle signorine e dei signorini che sentono lo stail scorrere nelle vene, che mangiano haute couture a colazione, e hanno mandato a Kate Moss la richiesta di amicizia su faaacebook. Ma a costoro NON basta (eh no!) abbagliarti con la loro aura super-cool live, hanno -ormai- invaso anche il web dando vita ad una nuova casta: i FESCION BLOGGERS.

Sbattuti e sfottuti da tutti i lati, loro perseverano nella loro missione di rendere il mondo più fine, raffinato, ma allo stesso tempo originale e ricercato, ma non scontato e pacchiano. Vivono e si districano in un mondo di nomi e cognomi e griffes ed eventi esclusivi e super-sfilate che noi poveri mortali, che la mattina scegliamo i vestiti con la stessa passione con cui ci soffiamo il naso, mentre loro ci stanno su tutta la notte per escogitare le combinazioni e gli incastri più fiqui, non possiamo neanche lontanamente comprendere. Sì perchè loro per la morte di Alexander McQueen hanno costretto la nonna ad appendere il manifesto di lutto sul portone e sono state le prefiche al suo funerale, mentre la metà di voi leggendo tutto ciò avranno pensato "Caspiterina, McQueen è morto?", e l'altra metà "Ma chi cazzo è Alexander McQueen?". Beh, noi siamo in confidenza, ma non osate porre tale quesito ad una esperta del settore, o potrebbe celebrare un rito sacrificale sull'altare tascabile (lo nascondono nelle pochette glitterate super-glamourous, che credete!) a Coco Chanel dopo avervi sgozzato con l'ombrello leopardato.

Reazione di una FESCION BLOGGER 

alla domanda sopra-riportata.
Ma come riconoscere un/a vero/a FESCION VICTIM? Ebbene, come tutte le razze umane, ci sono alcuni preziosi segni distintivi...SIGLA!

• Dispongono di un armadio di dimensioni tali che neanche la bacchetta magica di Silvio potrebbe condonarlo.

• Posseggono una considerevole quantità di paia di scarpe, tanto che -se usate come combustibile- risparmierebbero ai guidatori di tutto il mondo l'onero di vendersi anche le lacrime per fare il pieno (pensate un po', ci sono anche risvolti umanitari!).


Corollario: Metà sono ballerine, possibilmente leopardate, l'altra metà sono tacchi e/o zeppe assolutamente discreti e per nulla pacchiani.


• DEVONO avere (è tipo nei requisiti per entrare nel club) almeno 10 paia di leggins tutti uguali (come i vestiti di Paperino, per intenderci) e altrettanti cardigan tristemente tristi, ALMENO tre taglie più grandi, e NECESSARIAMENTE alla nonna-maniera.


• Di tutti i capi fichissimi del loro armadio, almeno 400 devono averci appiccicate delle piume, non importa di che tipo, anche di piccione di piazza S.Marco, purché rendano bene l'idea (quale idea, non si sa).

La simpatica Sarah Jessica Parker ha osato

decidendo di indossare un piccione intero.
• La somma dei quadrati costruiti sugli orecchini (e qui mi ci ficco anch'io) e sugli anelli deve essere uguale al quadrato costruito sulle Vuitton e sulle Chanel, originali o da Pechino con furore, fate voi.
• Reputano, per ragioni oscure, assolutamente indispensabile avere una borsa abbastanza capiente da farci entrare il lion che sleeps tonight di un colore particolare, che può essere il dorato uniposca o il celeste metallizzato (visto che vanno tranquillamente su tutto!), ALMENO un paio di occhiali da sole rubati dall'archivio della Legione Aerea Croata della Seconda Guerra Mondiale e un vestito/cappotto/oggetto-non-meglio-identificato di pelliccia di gatto sintetica.


• Il vintage è la soluzione a tutti i vostri problemi, amici e amiche! Perciò scavate nell'armadio di vostra nonna, vostro nonno, vostro padre, chissenefrega che sono di sesso diverso dal vostro, tutto fa brodo, tutto fa style, mixate, miscelate, sentitevi stylist!
• Se passate nei pressi di un FESCION VICTIM, sentirete certamente bisbigliare la marca, il negozio, la data di rilascio, la composizione chimica e il codice fiscale dei vestiti che vi siete messi addosso con tanto affetto. 
Da specificare: ciò identifica comunemente anche gli esemplari gay, non saprei dirvi se è vero.

A questo punto...cosa fare se si incontra uno specimen di tale specie? Cercate di evitare assolutamente il loro sguardo, perchè vi trasmetterà per via telepatica qualunque possibile messaggio minatorio e denigratorio del tipo "Cè ma hai messo le mutande sotto i pantaloni? Cè ma provieni dalla fiera del piattume?". Che dirvi, nell'attesa che l'anima racchiusa nelle piume di piccione li faccia rinsavire, noi impariamo qualcosa di più sull'importanza della biancheria intima (degli altri) nelle nostre vite.
_____________________________________

Come al solito, se siete un FESCION BLOGGER o una FESCION VICTIM,
non prendetevela: tanto voi vi beccate gli sconti nelle buticche,
e noi siamo tutti disoccupati!

martedì 12 aprile 2011

Come far fruttare pomeriggi noiosi?

È davvero importante per la salute di ogni essere umano che sia anche studente passare un pomeriggio divertente, in modo tale che la mattina seguente sia fresco e rilassato. Cominciare come si deve la mattinata porterà a sua volta un suo svolgimento piacevole, che determinerà a sua volta un pomeriggio spensierato e gradevolissimo. (Tutto questo, naturalmente, a fronte di imprevisti: potrebbe succedere che vi spezziate l’osso del collo o che vi caschi una moneta in un tombino, o che vi si spezzi l’osso del collo mentre cercate di ripescare la moneta dal tombino). Ma come si fa a rendere il proprio pomeriggio divertente, spensierato e gradevole? Oh be’, questa è proprio una domanda scema.

Innanzitutto è bene creare i presupposti per “passare un pomeriggio divertente” (che d’ora in poi chiameremo “Gianni” per non perdere tempo utile). Prima di tutto, non dovete seguire ALCUN PON POMERIDIANO, soprattutto se si tratta di un pon di filosofia o di inglese (o di filosofia in inglese – il peggiore). Se ne seguite uno, io vi consiglio vivamente di interrompere anche se vi sembra la cosa più appassionante della vostra vita (dubito). I pon, come è risaputo, sono la fonte principale di stress dei poveri studenti che li frequentano: prima o poi, tutti i partecipanti mostreranno complessi di auto-violenza, pazzia o mania di protagonismo, quindi: meglio evitare. In più, i pon sono sempre pomeridiani, il che naturalmente entra in conflitto con Gianni.

In secondo luogo, è sempre bene staccare i telefoni (fissi o cellulari) e isolarsi dal mondo completamente. So che a molti sembrerà difficile o addirittura impossibile, ma è assolutamente necessario per Gianni, e noi non vogliamo che se la prenda. Vi consiglio vivamente di NON CHIAMARE anima viva, NON PARLARE con anima viva, NON PARCHEGGIARE le bici vicino al Flacco, ché le rubano (sigh) e NON SFOTTERE i bomboni, specie se sono topini.

In terzo e ultimo luogo, procuratevi una connessione a internet. Questo è, in definitiva, l’aspetto più importante per un bel Gianni, e sono abbastanza certo che voi possediate una connessione visto che state leggendo questo post.

Che preambolo lungo… Vabè, arrivo al sodo. Sicuramente avrete sentito parlare di un certo sito, dove puoi fare una domanda e aspettare una cosa come quattro giorni per avere una risposta dal mondo. La risposta a volte può essere determinante (ricordo il celebre calcolo dell’area del pene) o altro volte molto stupida. Il sito di mentecatti di cui parlo è chiaramente Yahoo Answers. Non vi è mai venuta la voglia di rispondere per le rime a questi poveri, piccoli, ignoranti cristi? Io l’ho sempre avuta. Ma iscriversi a un sito come questo ti fa davvero perdere i punti, mamma mia. Così, per tanto tempo ho assistito al lento rispondere di altri tizi ad alcune delle domande più belle che della gente scema si sia posta. Ma ora ho detto no al colesterolo, e sì a Valsoia. Casualmente sono venuto in possesso di alcuni dati di una mia amica (trad.: mi ha chiamato e mi ha detto di essere iscritta a quella roba, dandomi come una stupida mosca che sbatte contro il vetro della finestra senza uscirne la sua password) e ho cominciato a realizzare il sogno di una vita.

Lei è ERNESTINA CRESCENZIO, il suo nickname è ERNESTINE, ha 24 anni, e abita a CAMPO DEI GINEPRI. Tre aggettivi per descriverla: SIMPATICAAAA, SOLAREEE e… FEDELE!!

No, purtroppo non ha fatto un provino per TheClub ma chissà, il suo successo è a un passo dal suo declino (? Vabè, sembra una cosa filosofica d’effetto, la lascio). Grazie a lei, oggi io posso rispondere alle domande di Yahoo Answers. Il consiglio quindi è: iscrivetevi in massa e diventiamo tutti amici, sai che pacchia. Ma la domanda che serpeggia a questo punto è: una volta iscritto, come trovare le domande perfette? Diocristo, anche questa è una domanda stupida. Basta cercare nella categoria giusta!

La domande più curiose a cui rispondere con celerità sono, quasi scontato dirlo, quelle relative agli stati interessanti delle ragazze. E per “stati interessanti delle ragazze” non intendo “stati in cui le ragazze sono numerose e dalle magliette bagnate” ma “preoccupazione derivante dall’aver provato a fare sesso senza protezioni, come delle meretrici esperte non curanti di gravi malattie a trasmissione sessuale”.

Sono frequenti domande come: “Aiutoooooooo!! HELP!!! Ho fatto sesso cn il mio raga ieri sul divano e lui ha voluto farlo senza… coso!!! Ma poi è venuto sul tappeto e non dentro di me… è possibile che io sia rimasta incinta quando mi sono rotolata desiderosa di lui sul tappeto medesimooo??!?!?”

Oppure: “10 pt al migliore!!?! Ho fatto del sesso sfrenato con il migliore amico del mio ragazzo e ho paura di essere rimasta incinta!! Però sia prima che dopo mi sono lavata lì con l’alcool e la varichina… ditemi se è possibile eliminare così le tracce di sperma di lui così il mio ragazzo non ne riconosce l’odoree!!!”

Se la prima cosa che vi verrebbe da scrivere è: “Sei veramente una ragazza infedele e disgraziata, spero tanto che la varichina che hai usato come sapone intimo ti avveleni velocemente”, trattenetevi, ci avrà già pensato qualcun altro. Il segreto è: siate professionali e amichevoli al tempo stesso. Se dite che avete avuto un’esperienza simile e poi sparate una baggianata colossale, è probabile che diano più retta a voi che non agli insulti ricevuti.

Volete la prova che la tattica suggerita funziona davvero? Facilissimo. La domanda era:
Come capisco da una mela se un ragazzo bacia bene? Ho sentito che mentre un ragazzo mangia una mela si può capire se bacia bene o no! Come funziona? Mi potete dire passo per passo?”

Certo che posso dirtelo, cara. La mia risposta (scelta come “migliore risposta dal richiedente”, ossia quella contadina drogata che chiede delle mele) è stata la seguente: “io non sono un esperta hehe xò puoi fare così.... prendi una mela bella rossa e scrivici col bianchetto "fai finta ke questa mela sono le mie labbre...." e poi gliela dai a lui proprio e poi da lontano lo osservi come se la magna ahahaha vedi se ti piace cm lo fa ti avvicini e gli chiedi di farlo davvero con te ora.... prova!!”

Esatto. Così, sgrammaticata, insensata, impensabile e inopportuna, ma ha funzionato (se non ci credi, sei uno stolto malfidente che deve cliccare qui). Il tempo, giuro, si è fermato per un istante, che è sembrato farsi eterno, e mi sono sentito invincibile contro decine di ragazzi cerebrolesi che pendevano dalle mie LABBRE (in onore di Ernestine) come un piercing che pende dal capezzolo.

E le possibilità che il sito offre sono infinte. Basta cercarle. E per quello… è sufficiente un intero Gianni, no?

_____________________________________________

RINGRAZIAMENTI dovuti e non: a Gianni, che ci ha prestato il suo nome; a Valeria, che mi ha prestato la sua password; a Ernestine, che è simpatica, solare e fedele.