martedì 26 aprile 2011

Teorema: tua nonna è più FESCION di te.

Girare per strada diventa un'attività sempre più affascinante, e vi starete [spero] chiedendo il perché! Beh, cari amici, non è per il valore architettonico degli edifici storici, e nemmeno per la piacevole sensazione di staccare il sederino dal divano e prendere aria fresca, ma per l'intrigante fauna umana in cui ci si imbatte. Si è discusso abbondantemente dello schieramento tamarro-burino-amante della fotografia, ma noi di KMM non risparmiamo anche il fronte opposto: i FESCION STAILIST. Sì bambini, parlo delle signorine e dei signorini che sentono lo stail scorrere nelle vene, che mangiano haute couture a colazione, e hanno mandato a Kate Moss la richiesta di amicizia su faaacebook. Ma a costoro NON basta (eh no!) abbagliarti con la loro aura super-cool live, hanno -ormai- invaso anche il web dando vita ad una nuova casta: i FESCION BLOGGERS.

Sbattuti e sfottuti da tutti i lati, loro perseverano nella loro missione di rendere il mondo più fine, raffinato, ma allo stesso tempo originale e ricercato, ma non scontato e pacchiano. Vivono e si districano in un mondo di nomi e cognomi e griffes ed eventi esclusivi e super-sfilate che noi poveri mortali, che la mattina scegliamo i vestiti con la stessa passione con cui ci soffiamo il naso, mentre loro ci stanno su tutta la notte per escogitare le combinazioni e gli incastri più fiqui, non possiamo neanche lontanamente comprendere. Sì perchè loro per la morte di Alexander McQueen hanno costretto la nonna ad appendere il manifesto di lutto sul portone e sono state le prefiche al suo funerale, mentre la metà di voi leggendo tutto ciò avranno pensato "Caspiterina, McQueen è morto?", e l'altra metà "Ma chi cazzo è Alexander McQueen?". Beh, noi siamo in confidenza, ma non osate porre tale quesito ad una esperta del settore, o potrebbe celebrare un rito sacrificale sull'altare tascabile (lo nascondono nelle pochette glitterate super-glamourous, che credete!) a Coco Chanel dopo avervi sgozzato con l'ombrello leopardato.

Reazione di una FESCION BLOGGER 

alla domanda sopra-riportata.
Ma come riconoscere un/a vero/a FESCION VICTIM? Ebbene, come tutte le razze umane, ci sono alcuni preziosi segni distintivi...SIGLA!

• Dispongono di un armadio di dimensioni tali che neanche la bacchetta magica di Silvio potrebbe condonarlo.

• Posseggono una considerevole quantità di paia di scarpe, tanto che -se usate come combustibile- risparmierebbero ai guidatori di tutto il mondo l'onero di vendersi anche le lacrime per fare il pieno (pensate un po', ci sono anche risvolti umanitari!).


Corollario: Metà sono ballerine, possibilmente leopardate, l'altra metà sono tacchi e/o zeppe assolutamente discreti e per nulla pacchiani.


• DEVONO avere (è tipo nei requisiti per entrare nel club) almeno 10 paia di leggins tutti uguali (come i vestiti di Paperino, per intenderci) e altrettanti cardigan tristemente tristi, ALMENO tre taglie più grandi, e NECESSARIAMENTE alla nonna-maniera.


• Di tutti i capi fichissimi del loro armadio, almeno 400 devono averci appiccicate delle piume, non importa di che tipo, anche di piccione di piazza S.Marco, purché rendano bene l'idea (quale idea, non si sa).

La simpatica Sarah Jessica Parker ha osato

decidendo di indossare un piccione intero.
• La somma dei quadrati costruiti sugli orecchini (e qui mi ci ficco anch'io) e sugli anelli deve essere uguale al quadrato costruito sulle Vuitton e sulle Chanel, originali o da Pechino con furore, fate voi.
• Reputano, per ragioni oscure, assolutamente indispensabile avere una borsa abbastanza capiente da farci entrare il lion che sleeps tonight di un colore particolare, che può essere il dorato uniposca o il celeste metallizzato (visto che vanno tranquillamente su tutto!), ALMENO un paio di occhiali da sole rubati dall'archivio della Legione Aerea Croata della Seconda Guerra Mondiale e un vestito/cappotto/oggetto-non-meglio-identificato di pelliccia di gatto sintetica.


• Il vintage è la soluzione a tutti i vostri problemi, amici e amiche! Perciò scavate nell'armadio di vostra nonna, vostro nonno, vostro padre, chissenefrega che sono di sesso diverso dal vostro, tutto fa brodo, tutto fa style, mixate, miscelate, sentitevi stylist!
• Se passate nei pressi di un FESCION VICTIM, sentirete certamente bisbigliare la marca, il negozio, la data di rilascio, la composizione chimica e il codice fiscale dei vestiti che vi siete messi addosso con tanto affetto. 
Da specificare: ciò identifica comunemente anche gli esemplari gay, non saprei dirvi se è vero.

A questo punto...cosa fare se si incontra uno specimen di tale specie? Cercate di evitare assolutamente il loro sguardo, perchè vi trasmetterà per via telepatica qualunque possibile messaggio minatorio e denigratorio del tipo "Cè ma hai messo le mutande sotto i pantaloni? Cè ma provieni dalla fiera del piattume?". Che dirvi, nell'attesa che l'anima racchiusa nelle piume di piccione li faccia rinsavire, noi impariamo qualcosa di più sull'importanza della biancheria intima (degli altri) nelle nostre vite.
_____________________________________

Come al solito, se siete un FESCION BLOGGER o una FESCION VICTIM,
non prendetevela: tanto voi vi beccate gli sconti nelle buticche,
e noi siamo tutti disoccupati!

3 commenti:

  1. LOL
    e pensare che era tutto partito da questo, dalla nostra malcelata voglia di paraculare questi tizi...mi sto commuovendo :')

    RispondiElimina
  2. Solo una parola :"GRANDE"!

    RispondiElimina
  3. giuro che la fiera del piattume mi ha lasciata riversa sulla tastiera per diversi minuti! sono estasiata!

    RispondiElimina